I, me, mine… e quindi?

Customizzare: adeguamento di un prodotto alle esigenze di un singolo cliente. Un fenomeno che dalle moto ai beauty-case da viaggio ha riscontrato sempre più successo, negli ultimi anni. Perché incarna un bisogno di personalizzazione in base alle proprie esigenze, alla propria personalità o vanità. Alle spalle c’è però sempre Lui, il protagonista dei nostri atti di acquisto: il Prodotto, e con lui il Brand, che…

Leggi

Diamoci un taglio

La cosa che amo della cultura giapponese è il suo rapporto con la natura, con la gestualità rituale e con il senso del tempo. L’ikebana, gli origami, la cerimonia del tè mi affascinano perché sovvertono la nostra logica e ci insegnano che si può conciliare risultato e lentezza, passato e futuro, innovazione e tradizione senza sacrificare nessuno dei due. Ancora di più amo il loro…

Leggi

Apprimma ‘a sentenza

Il 4 luglio è una data celebre: è l’Independence Day americano, un giorno leggendario per gli States e non solo. Ma questa data per me è da sempre legata a un libro che ha influenzato la mia vita, professionale e non. Sto parlando di Alice nel Paese delle Meraviglie. Il 4 luglio del 1862 Lewis Carroll (pseudonimo di Charles Lutwidge Dogson) e il reverendo Robinson Duckworth…

Leggi

Design Soup

È nata da un’esigenza: aggirare le restrizioni imposte dal governo britannico, causa Covid-19, che prevedevano la chiusura di tutti i musei fino al 17 maggio. Ma poi, come accade sempre alle idee, è rimasta in circolo… Antefatto: il Design Museum di Londra ha subito ingenti perdite per colpa del lockdown. Ma ha un negozio al suo interno, e quando sono state revocate le restrizioni per…

Leggi

Sostenibilità fondente

Meng Zhang è un designer di valore: ha un tratto e una sensibilità uniche (forse perché le sue texture mi ricordano un illustratore che si è fissato indelebilmente nel mio cuore, Ferenc Pintér).  Uno dei suoi recenti lavori, quello inventato per Covet, marchio di cioccolato con sede a Dubai, mi ha colpito perché racchiude alcuni spunti su cui riflettere.  Il primo: se oggi parliamo di…

Leggi

Il gioco della bottiglia

“Ciao, sono una bottiglia di carta”, recita il pack. Ma, quando poi la apri, scopri che al suo interno c’è un flacone di plastica, a contenere il siero ai semi di tè verde di Innisfree, un marchio di cosmetici dell’australiana Amorepacific. Certo riciclabile ed ecologica, ma sempre di plastica (anche se ne utilizza meno della metà rispetto agli imballaggi convenzionali) . E il mondo dei…

Leggi

L’importanza di essere un Cigno

Accendi i tuoi sogni (ignite your dreams) e per farlo hanno creato WonderLab: “the place where science and magic meet”, un laboratorio creativo inclusivo in cui raccontare l’identità del proprio Brand con un linguaggio nuovo, visionario, svincolato dal prodotto e vicino al bisogno di futuro&meraviglia.   E hanno rimesso mani al brand. Ovviamente. Perché altrimenti che nuovo posizionamento sarebbe quello voluto dal nuovo Direttore Creativo…

Leggi

Anelli dinamici

“A new brand appearence” recita il rebranding di Audi. Che infatti non è un vero e proprio rebranding, ma un’apparenza, un’illusione, una suggestione che indirizza lo sguardo a un graphic design flessibile, evocativo di una nuova sensibilità ma sempre e irriducibilmente fedele a se stesso.   Il design modulare, che si ispira a quello “atomico”, è stato pensato per essere media-neutral, anche se lo vedo…

Leggi

Mulino Rosso

Per 130 anni Aunt Jemima è stato il volto degli sciroppi e dei preparati per pancake più famosi e amati d’America. Poi è arrivata la protesta #blacklivesmatter e la zia è stata decapitata, e il suo viso eliminato dal packaging. “Le sue origini si basano su uno stereotipo razziale” ha dichiarato l’anno scorso Kristin Kroepfl, vice presidente e chief marketing officer di Quaker Foods North…

Leggi