Il valore dei valori

Tira aria di crisi in casa Kraft Heinz. Gli ultimi dati sono allarmanti: le vendite sono scese del 5% nei primi tre mesi dell’anno, il titolo ha perso, solo nel 2019, il 34% e l’azienda ha annunciato di voler svalutare le marche per una cifra che si aggira sull’1,2 miliardi di dollari. Non è una visione di parte, ma il lavoro sbagliato attorno a molti dei suoi Brand (forse troppi per i consumatori) sta producendo effetti indesiderati.

Prendiamo il caso – particolarmente infelice – del Flat Bread, in controtendenza rispetto a quello che oggi i consumatori cercano, cioè  prodotti “light&healthy”. Ma soprattutto un caso in cui Brand e prodotto sono assolutamente incoerenti, scollegati, nemici. Le immagini usate per comunicare il prodotto non supportano (o forse sarebbe il caso di dire non sopportano) la “K”, diventata simbolo dei cereali, e quindi associata a salute, benessere, forma fisica. Un tradimento che comporta perdita di affezione al Brand e anche al prodotto che, evidentemente, non soddisfa un bisogno ormai consolidato, in corso già da anni.

La fedeltà ai valori che i consumatori ci riconoscono è il valore portante di ogni azienda.
E dato che per questi errori Warren Buffet, che possiede il 27% delle azioni di Kraft Heinz, ha perso circa cinque miliardi di dollari, abbiamo speranza che cresca, nelle aziende a tra i top manager, una nuova cultura del Brand e della sua importanza economica tra gli asset.

image source: Google Immagini